L’orario perfetto per scrivere. Era da un pò che non scrivevo sul blog, ne sento la mancanza e l’esigenza dopo un pò. In sto periodo scrivo un casino, di solito parole buttate poi nel cestino (naturalmente, virtuale). Ma è bello cosi, mi sfogo, mi libero, cavalco la mia fantasia, e quando sono stanco ritiro tutto e me ne vado.

A ques’ora i deliri mentali che si creano nella tetsa sono tantissimi…

Avrei da scrivere per ore e ore…

Questa settimana, è stata un pò cosi. Ho perso voglia di fare. Il fatto è che non ho più di tanti stimoli. Come per esempio il linux day: ho perso la voglia di prepararlo. Non mi va più. Sono solo, io me medesimo, a cercare di creare un evento anche abbastanza significativo. Ma non ho voglia. O meglio, non mi piace più l’idea. Perchè la mia vita, alla fin fine, si basa su questo. L’idea.

Come quando sotto la doccia ti viene l’idea che ti cambia il modo di vivere (o di lavarti). Ecco, io sopravvivo perchè il mio cervello naviga in un universo a parte e si autostimola con nuove e fantastiche idee. Che magari sono irrealizzabili, ma le inseguo. Da buon utopista quale sono.

Ma in sto periodo le mie idee non coincidono più con le cose che faccio. E con i bisogni che ho. Qui si pone un problema che non mi sono mai posto prima. I soldi. Prendiamo il linux day. Prendiamo le diverse cose che avrei da fare per abacashì. Sono tantissime, ma l’idea di perdere soldi anzichè guadagnarne non mi piace più. Cosa è cambiato? Nulla forse. O forse tutto. Solo che dopo l’incidente di Kociss, dopo l’iscrizione all’università, direi che mi sono dissanguato. E devo sacrificare le mie idee, o le mie voglio, per altro. Abacashì, che io adoro, mi sta rubando troppo tempo. Non ho più assolutamente tempo. Ne ho troppo poco. E non è facile. E ci perdo monetariamente. E fino a poco tempo fa mi andava anche bene, ma adesso mi viene chiesto troppo per troppo poco. E la mia idea, quello stimolo che mi faceva fare un sacco di roba, se ne sta lentamente andando. Poi il fatto di essere da solo, e di non aver alcun appoggio da nessuno, non mi rende la vita facile. Cioè, non ci sono altri organizzatori e marco e giorgio non hanno idee. E se le hanno è per ridimensionare le mie. Come fa a non passarti la voglia? Fai qualcosa gratuitamente, anzi in perdita, da solo e con le persone (che adoro e stimo) che ti ridimensionano le tue visioni. No, non ce la faccio, perdo tutto la voglia che avevo. Le idee si nascondono.

Questa cosa mi rende pensieroso e assente. E ciò non mi piace. Ma non ci posso fare molto. Dovrei andare in Abacashì e parlarne, forse venerdì ci andrò, ma non è che me la sento molto.

Poi? Poi il resto va a gonfie vele. Con Lei è sempre più fantastico, il mio lavoro è ciò che amo, e ho conosciuto qualcuno che reputo amico. Anzi amica. Per la felicità della mia tata! 😀

Inoltre molte persone hanno riposto in me massima fiducia, raccontandomi fatti personali che solo a persone fidate si dicono. E io sono un persona fidata. Per tante persone. E ciò mi lusinga, e mi rende felice. Cioè, certe persone, credono che io, mirko, sia una persona a loro amica. Talmente amica da andargli a raccontare tutto. Ma proprio tutto. Come si fa a non essere felici? Una sensazione belissima ti pervade, ti senti fortunato e prescelto, sai che quelle persone contano su di te. E io adoro che le persone contino su di me!

Ho letto un libro, “un posto nel mondo” di Fabio Volo, che mi è piaciuto tantissimo. A parte il finale… Ci sono storie in quel libro che ti risvegliano l’anima. Quella che preferisco è quella del tram. In soldoni:

noi siamo come gli autisti di un tram. Non lo guidiamo noi, lui è su una ferrovia, noi scegliamo, ma neanche tanto liberamente, quando accellerare e quando frenare. Ecco, questa è la nostra vita. Scuola università lavoro famiglia matrimonio figli ecc ecc eccheccazzo!

NO. Io dal mio tram scendo, e vivo. Come. Voglio. Io.

E voglio ciò che faccio. Che è cosi splendidamente diverso dal fare ciò che si vuole…

Questo è il mio sogno, la mia magia. Volere, per sempre, ciò che faccio.

E sto rispettando il mio sogno in maniera categorica.

ps: wordpress si è aggiornato!Ora posso inserire dei poll. Interessante! Voglio il Dell mini e partecipare a un keynote di Steve Jobs prima che se ne vada da Apple. Ho voglia di farmi un giro in moto e vedere la hap e collins band a pogno il primo novembre.L’italia mi fa sempre più schifo e le leggi insulse che tentano di fare mi fanno vomitare, nota l’orario di pubblicazione del post. Fine delirio notturno. Sogni d’oro.

Annunci