Ci siamo. Primo post di un certo livello.

Allora, intendiamoci bene: io non sono un fanboy o fanatico di uno o dell’altro sistema operativo. Le mie opinioni sono mie, chiunque può contraddire come gli pare e piace. Ma per favore, se dovete farlo, fatelo con testa.

Ho due computer sulla mia scrivania:

il primo è un portatile, un Toshiba m70-duecentoqualchecosa, un giga di ram, 100 giga di hard disk, processore intel centrino 1.83 GHz, scheda video ATI x600.

Il secondo è un iMac 20″ d’ultima generazione (non so bene come definirla: credo sia l’ Alluminium), 1 giga di ram, 250 giga di hard disk, processore intel core 2 duo 2.4 GHz, scheda video ATI Radeon HD 2400.

Sul portatile c’è installato Ubuntu Linux 8.04. Sull’ iMac c’è osx Leopard (e niente fottuto dual boot perchè sto bastardo non mi fa partire il live cd!Se qualcuno ha lo stesso problema, please commentare!!)

Ora, prima di tutto i pc (lasciatemi passare il termine anche se qualcuno dirà che il mac non è un pc (cosa secondo me errata dato che è stato proprio Apple a inventarsi il personal computer) ) valgono i soldi spesi, soprattutto se parliamo dell’iMac.

Cioè, avete presente un 20 pollicioni, profondo due centimetri e mezzo,senza la tower, con dei colori svavillanti e una luminosità pari ai fari delle discoteche, con tutto l’equipaggiamentom hardware che si potrebbe desiderare al prezzo di 999 €?!?!?!?!?! Direi che il prezzo è più che giusto. Anzi, fin poco magari. Ma a me va bene così. Ah, naturalmente preso SENZA sconto studenti (per 20, forse meno, euro di sconto il gioco non valeva la candela, e il reseller dove l’ho acquistato comunque non accettava tale sconto)

iMac 20"...bello da vedere eh?!

iMac 20"...bello da vedere eh?!

Dunque, dicevamo. Io ho provato quindi i due sistemi operativi migliori che ci sono sul mercato oggi.E devo ammetterlo, non ci sono ne vincitori ne vinti.

Anche se…

…se proprio devo dirla tutta, preferisco ubuntu.

Squillino le trombe!!!Che cazzo dice questo???

Ebbene si, io preferisco linux ubuntu.I motivi sono semplici: se uno passa da Windows a mac si trova davanti un mondo bellissimo e meraviglioso,ma perchè in quel caso si proviene dall’inferno.

Chi passa da ubuntu (occhio, ho detto ubuntu e non linux. Perchè linux non solo ubuntu!) a osX invece proviene dal paradiso…. 🙂

io adoro modificare tutti i parametri, ma non intendo righe e righe di codice, intendo i menu, i colori delle finestre, i set di icone e chi ne ha più ne metta.OsX invece è molto (troppo) restrittivo. Il desktop è questo e cosi te lo tieni. Si certo, piano piano lo puoi anche modificare, anche se non con la stessa semplicità di ubuntu, e sicuramente senza quella flessibilità e illimitatà libertà che contraddistingue le distro linux.Ed è queta la parola chiave: libertà.

All’inizio pensavo che la storia del piacere di usare software libero fosse una cazzata che dicevano i fanboy linux per avere un motivo in più per tirare acqua al proprio mulino.E invece, ragazzi, se usate una volta Synaptic, non potrete più fare a meno di linux. Altro che crack e lavori vari, li si fa una breve ricerca, 10 secondi e tutto è bello pronto e installato per essere utilizzato, senza password o crack da mettere. E giuro, su mac questo manca.

D’altro canto, osX è suberbo, per potenza e semplicità di alcuni programmi.Per esempio la suite iLife, installata di defeault, è oscenamente bella.E semplice. E ordinata. E mamma mia varrebbe la pena comprare un mac solo per porvare iPhoto o iMovie!!!!.Quick Look poi è una meraviglia, la killer application di Leopard. Troppo veloce e leggera, è utilissima.No veramente, la semplicità che regna in è incredibile.

D’altro canto bisogna subito sostituire programmi come Quick Time, troppo lento e pesante,o Safari, con bombe sexy di software come Vlc e Firefox.E una cosa che mi ha fatto veramente girare le balle: bisogna installarsi un programma esterno per avere delle notifiche, come il cambio di canzone in iTunes. Giuro, quando l’ho scoperto ho spento il mac e ho acceso il portatile, per rilassarmi un attimo.

Sono le piccole cose che fanno grande un progetto.

I programmi preinstallati in Ubuntu invece quasi mai li sostituisco (io uso Gnome…), li integro magari…

Va bhè, chiudo qui il post se no diventa una divina commedia.

Totale della fiera, io volevo dire la mia, magari cercando di far capire a chi sta pensando di fare un salto di qualità: comprati un mac, ma installaci anche linux. (e in questo caso, ti consiglio ubuntu che è la mac OsX del mondo open source!). Perchè come ha detto un blogger che leggo spesso (e appena ritrovo il link lo posto) non si può vivere di solo linux, ma non si può vivere nemmeno di solo closed source, come mac osX.

Adesso vado a farmi il mio buon turno notturno, sperando che nessuno chiami il 118 senza alcun motivo serio!!!! 😀

Annunci